Pensieri Democratici

Posted on by 0 comment

La guerra in Ucraina, l’importanza dell’Europa

Questi sono giorni colmi di preoccupazione per quanto sta avvenendo in Ucraina, mai avremmo immaginato che una superpotenza potesse scatenare una guerra sul suolo europeo. Putin sta riportando indietro l’orologio della storia immaginando un’Europa senza parole e futuro.

La guerra è un atto inconcepibile per risolvere le questioni tra stati. Per quanto la si pensi veloce, per quanto utilizzi “armi intelligenti”, stravolge la vita delle persone, priva i giovani del loro futuro, semina rancori e desiderio di vendetta, distrugge infrastrutture e città, già questi sarebbero motivi sufficienti per fermarla, per condannarla senza condizioni.

Poco conta se scoppia alle porte di casa nostra o in Paesi a noi più distanti: la guerra è sempre guerra drammaticamente uguale in tutti i luoghi: con il suo carico di dolori, orrori, uccisioni, drammi. Come singoli cittadini possiamo certamente accogliere ed essere solidali, far crescere la cultura della pace con mezzi di pace.

Tuttavia è importante notare che quello che stiamo assistendo è solo l’ultimo affondo, in ordine di tempo, all’idea di Europa che stiamo faticosamente costruendo: la brexit, i no euro, il nascere di tanti nazionalismi sono movimenti tristemente noti. E ancora temi caldi quali: l’assunzione di norme sanitarie dei cibi europei, la creazione del marchio CE, le garanzie richieste a chi vende prodotti, sono motivo di contrasto a chi vorrebbe produrre senza regole e vincoli. E’tempo che l’Europa compia una scatto e assuma consapevolmente un ruolo autorevole su piano internazionale esprimendosi con una sola voce e un solo programma.

 

 

Il biologico è legge

Con l’approvazione definitiva in Senato, è legge “Disposizioni per lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, la norma che regolerà e incentiverà questo tipo di produzione. Quali sono le novità?

Il provvedimento delinea una cornice normativa importante: definisce un sistema, un metodo, chiarisce le responsabilità in capo agli operatori che decidono di convertire le loro produzioni al biologico. Si definisce finalmente il Piano strategico nazionale per la produzione biologica e i prodotti biologici, il quale assieme al Fondo, che la legge stessa istituisce in modo strutturale, risponde alle esigenze dell’intero comparto. La norma assegna poi un ruolo molto rilevante alla ricerca, alla formazione tecnica e universitaria. Fornisce un quadro normativo alle imprese, valorizza gli accordi di filiera, le aggregazioni di produttori e il legame con i territori, attraverso i biodistretti. Istituisce il marchio nazionale quale strumento di tracciabilità e identificazione delle produzioni del Paese.

Un altro aspetto importante riguarda il Piano nazionale sulle sementi biologiche, da realizzare con la collaborazione del Consiglio per la ricerca in agricoltura. Questo strumento sarà utile per aumentare la varietà delle sementi a disposizione.

Un aspetto importante prevede la delega al Governo per rivedere, armonizzare e razionalizzare le normative sui controlli per la produzione agricola biologica, che rafforzerà il sistema, assicurando maggiore trasparenza, tutela dei consumatori, informazioni precise sulla tracciabilità dei prodotti biologici e, in tema di tutela dalle frodi alimentari, fisserà sanzioni.

In sintesi, il provvedimento disciplina il sistema delle autorità nazionali e locali e degli organismi competenti; i distretti biologici e l’organizzazione della produzione e del mercato, compresa l’aggregazione tra i produttori e gli altri soggetti della filiera; le azioni per la salvaguardia, la promozione e lo sviluppo della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico, compresa la semplificazione amministrativa, e i mezzi finanziari per il sostegno alla ricerca e alle iniziative per lo sviluppo della produzione biologica, la realizzazione di campagne di informazione e di comunicazione istituzionale, la promozione dell’utilizzo di prodotti ottenuti con il metodo biologico da parte degli enti pubblici e delle istituzioni; l’uso di un marchio nazionale che contraddistingua i prodotti ottenuti con il metodo biologico, realizzati con materie prime coltivate o allevate in Italia.

 

Milleproroghe per la crisi

Ed è via libera anche per il Decreto Milleproroghe, convertito in legge dopo i passaggi nelle due Camere, cioè quel provvedimento che viene varato in concomitanza con la legge di Bilancio e che si occupa di rinviare la scadenza di varie misure. Il Milleproroghe consente, in questo momento, di gestire le situazioni più esposte e più in crisi. L’obiettivo è, infatti, quello di superare la precarietà e privilegiare la stabilità del lavoro, e in questo senso vanno considerate la proroga per la validità delle graduatorie dei vigili del fuoco, per i lavori socialmente utili, quella per i lavoratori dei trasporti e aeroportuali.

Nel decreto, inoltre, ci sono proroghe e interventi che riguardano la cultura e la scuola, l’università e la prima casa, la sanità e il personale sanitario e ospedaliero. Ma vengono confermati anche gli sgravi alle imprese sull’impegno della salvaguardia ambientale per le necessarie bonifiche, in particolare nelle aree che hanno subito ingenti danni.

Novità importante è il bonus psicologo da 600,00 euro l’anno da utilizzare per iniziare un percorso terapeutico, soprattutto per i giovani e in particolare per le difficoltà legate alle conseguenze del Covid, delle chiusure, delle restrizioni. I nostri ragazzi ne hanno sofferto tanto e forse non solo loro. Questo è un primo aiuto per tutti coloro che si sentono oggi in difficoltà.

Tante le assunzioni nei vari livelli della pubblica amministrazione, tante le stabilizzazioni o le proroghe per chi già lavora in settori più precari. Segnalo il rinvio al 31 dicembre 2022 della facoltà di utilizzare le risorse in materia di potenziamento dei centri estivi diurni, dei servizi socioeducativi territoriali e dei centri con funzione educativa e ricreativa destinati alle attività dei minori di età compresa tra zero e 16 anni.

 

Trasporto locale Lombardo: le proposte Pd

Servizio di qualità, incentivi per rilanciare il trasporto pubblico, politica tariffaria di abbonamenti, riorganizzazione dei servizi, flessibilità in grado di dare risposte rapide a un nuovo aumento della domanda, integrazione efficace del sistema ferro e gomma, nuovo materiale rotabile: queste le proposte del Pd per risollevare il trasporto pubblico locale in Lombardia. Si rendono necessarie considerato che questo era già allo stremo prima della pandemia, dopo un lungo periodo in cui sono state tagliate le corse con il lockdown, per lo smart working e della diminuzione dei viaggiatori.

In questi mesi tutte le rimostranze dei pendolari, le richieste dei gruppi di opposizione, i progetti in cantiere sono rimasti in sospeso, se non definitivamente archiviati. Ciò ha reso la ripartenza per il trasporto pendolare lombardo ancora più in salita.

Regione Lombardia dice di occuparsene e a più riprese fa promesse che spesso mantiene solo in parte, come i treni nuovi su determinate linee. Ma i disagi c’erano e ci sono ancora: ritardi, cancellazioni, affollamento, guasti. Nulla è cambiato da prima della pandemia, la differenza semmai la fanno gli utenti, che essendo inevitabilmente diminuiti, risolvono da soli alcuni problemi.