News dal Parlamento

Posted on by

L’Italia stringe nuovi accordi

Con la ripresa dell’attività parlamentare sono ricominciate anche le approvazioni di ratifiche, accordi e trattati. Ecco, dunque, quelli approvati questa settimana alla Camera: Accordo con il Governo della Repubblica del Cile sull’autorizzazione all’esercizio di attività lavorative dei familiari a carico del personale diplomatico, consolare e tecnico-amministrativo delle missioni diplomatiche e rappresentanze consolari, già passato al vaglio del Senato. Accordo di cooperazione scientifica e tecnologica tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo della Repubblica del Cile, anche questo approvato dal Senato. Accordo tra il Ministro dell’Interno della Repubblica italiana e il Ministro dell’Interno della Repubblica francese in materia di cooperazione bilaterale per l’esecuzione di operazioni congiunte di polizia. Trattato di estradizione tra la Repubblica italiana e la Repubblica popolare cinese, gi&agrave ; approvato dal Senato.

 

Cicloturismo, una vera potenzialità

Non so se vi è noto, ma l’Italia è il primo produttore di biciclette in Europa con 2.728.600 esemplari realizzati nel 2014, in crescita del 2,1 per cento sull’anno precedente. In sostanza, nel nostro Paese sono presenti circa 25 milioni di biciclette con 12 milioni di ciclisti che usano frequentemente le due ruote. Un fattore di mobilità urbana importante perché riduce il numero di auto in circolazione, produce evidenti benefici e risparmi in termini ambientali, sociali, sanitari. Servono, perciò, piste ciclabili che hanno un costo fino a 400 euro al metro. Studi internazionali dimostrano, però, che ogni euro investito in questo settore ne restituisce 4 o 5 alla collettività in meno di tre anni.

Non solo: l’utilizzo della bicicletta, ossia il cicloturismo, può rappresentare un’importante leva economica per il turismo nazionale. Secondo dati Enit (l’Agenzia nazionale del turismo), la potenzialità è di 3,2 miliardi di euro di fatturato all’anno.

Ecco perché, non solo come sportivo, ho sottoscritto convintamente una risoluzione che impegna il Governo a favorire i processi di digitalizzazione delle informazioni e delle caratteristiche dei percorsi e dei luoghi interessati al cicloturismo; a costruire sinergie con gli operatori del settore del turismo individuando e favorendo strategie di promozione del settore del cicloturismo nazionale che tengano conto della percezione del nostro Paese dagli stranieri; ad effettuare il monitoraggio periodico sullo stato di avanzamento lavori dei percorsi ciclabili e dei progetti Bicitalia ed EuroVelo verificando in particolare la messa in sicurezza di strade e ciclovie; a sviluppare le potenzialità del cicloturismo valorizzando le manifestazioni e gli eventi già esistenti e favorendo la costruzione di offerte tematiche differenti integrate lungo uno stesso percorso o differenziate per percorsi e legate al paesaggio, all’archeo logia, ai beni culturali, ai pellegrinaggi, all’enogastronomia.

 

Troppi ritardi per Garanzia Giovani

Dal 1° maggio 2014 ha preso avvio in Italia il Piano nazionale Garanzia Giovani, l’iniziativa che si pone l’obiettivo di fornire ai giovani dai 15 ai 29 anni, disoccupati o non impegnate né negli studi, né nel lavoro, un’offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato, tirocinio, inserimento nel servizio civile o altra misura di formazione. E, a quanto pare, c’è una crescita dei giovani che vi hanno aderito. Al 10 settembre il numero degli utenti complessivamente registrati ha superato le 746 mila unità. Inoltre, le aziende continuano ad inserire annunci sul portale nazionale direttamente o per il tramite delle Agenzie per il lavoro e le opportunità di lavoro complessive pubblicate dall’inizio del progetto sono pari a 61.223, per un totale di posti disponibili pari a 88.215; di queste 751 disponibilità sono ad oggi attive, per un total e di 1.584 posti disponibili.

Sono le Regioni o Province autonome a definire le modalità organizzative e di attuazione del Piano, e a determinare l’ammontare dei bonus occupazionali e degli incentivi di cui possono usufruire le imprese che assumono con contratto a tempo determinato o indeterminato. Le stesse Regioni e Province autonome stabiliscono l’importo delle indennità da corrispondere per i tirocini e, tramite apposite convenzioni, scelgono se affidare o meno all’Inps il servizio di gestione dell’indennità di tirocinio.

Purtroppo, tra coloro che hanno deciso di affidarsi all’Inps, si sono registrati numerosi ritardi nella corresponsione di quanto dovuto ai tirocinanti. Ritardi che si manifestano da mesi ormai su tutto il territorio nazionale.

Perciò ho firmato un’interpellanza urgente al Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali per sapere se è a conoscenza di questa vicenda e quali provvedimenti intenda adottare per porvi rimedio.

 

Agricoltura nella Martesana

Venerdì 25 settembre, alle 20.30, sarò nell’aula consiliare del Comune di Bussero, in piazza Diritti dei bambini 1, per intervenire all’incontro intitolato “Parlare per fare: un aiuto concreto alla vocazione agricola dell’Adda martesana”.

Nell’occasione saranno presentate agli agricoltori dei Comuni di Bellinzago Lombardo, Bussero, Carugate, Cassano d’Adda, Cassina de’ Pecchi, Cernusco sul Naviglio, Inzago, Vimodrone le opportunità offerte dai bandi di finanziamento nazionali, regionali, europei per il settore.

L’iniziativa fa parte del progetto “Sviluppo economico territoriale, cui hanno aderito quei Comuni, con l’apporto del Centro di ricerca Economia e sostenibilità che illustrerà la materia dei bandi e le modalità operative per accedervi.

Assieme a me e ai rappresentanti delle amministrazioni comunali, ci saranno la Coldiretti di zona, la Cia, Copagri, Legambiente e l’associazione Terra terra.

Se vuoi leggere volantino clicca qui

 

Integrazione: ne parlo a Cassina

Domenica 27 settembre, alle 21, sarò, invece, alla Festa de l’Unità e dell’Accoglienza di Cassina de’ Pecchi, che si tiene nel Casale di via Trieste. Interverrò alla serata sul tema “L’integrazione è possibile”, organizzata dal Circolo Pd “Fiorella Ghilardotti” di Cassina.

 Paolo Cova