Pensieri Democratici

Posted on by

Tempo di bilancio. Sostenibile

Proseguiamo nel nostro viaggio dentro la legge di bilancio di questo Governo con la sintesi di alcuni degli altri più importanti provvedimenti contenuti nella nuova Finanziaria. Una manovra che, lo ribadisco, va a sostegno della crescita per invertire il contesto di stagnazione della nostra economia e per poter procedere lungo la strada di uno sviluppo sostenibile.

Agricoltura è Made in Italy

Una spesa di 44,895 milioni di euro per il 2020 e di 40,290 milioni di euro per il 2021 servirà a potenziare il Piano straordinario per la promozione del Made in Italy e l’attrazione degli investimenti in Italia.

In questo, una parte sostanziale riguarderà gli interventi a favore dell’agricoltura e della pesca. Viene per questo istituito un Fondo per gli investimenti innovativi delle imprese agricole, con una dotazione pari a 5 milioni di euro per il 2020. Si concedono mutui a tasso zero a favore di iniziative finalizzate allo sviluppo o al consolidamento di aziende condotte da imprenditrici agricole.  Si istituisce anche un Fondo per la competitività delle filiere agricole, finalizzato a sostenere lo sviluppo e gli investimenti delle filiere, con una dotazione finanziaria iniziale di 15 milioni di euro per il 2020 e 14,5 milioni di euro per il 2021. Si individuano campagne di promozione per prodotti agroalimentari sottoposti ad aumento di dazi nell’ambito del Piano per il Made in Italy. Nasce poi il Fondo per l’agricoltura biologica, con una dotazione pari a 4 milioni di euro per il 2020 e a 5 milioni a decorrere dal 2021. Si introducono misure di sostegno al reddito per i lavoratori dipendenti da imprese della pesca marittima nel periodo di sospensione dell’attività lavorativa, prorogando sino al 31 dicembre 2020 il Programma nazionale triennale della pesca e dell’acquacoltura 2017-2019.

Assumiamo i giovani

Per promuovere l’occupazione giovanile, grazie a un emendamento voluto dal Pd, si riconosce uno sgravio contributivo integrale, dunque del 100 per cento, ai datori di lavoro che occupano alle proprie dipendenze fino a nove addetti, con contratto di apprendistato di primo livello.

Si interviene poi per modificare la disciplina sulla riduzione dei contributi previdenziali a favore dei datori di lavoro privati che assumono con contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato soggetti di età inferiore a determinati limiti.

Si incrementa per un importo pari a 46,7 milioni di euro lo stanziamento per il finanziamento dei percorsi formativi relativi all’apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore e di quelli relativi all’alternanza tra scuola e lavoro, portando così il finanziamento, per il 2020, a 121,7 milioni di euro.

Tempo di Green new deal

E veniamo ai provvedimenti in tema ambientale che hanno fatto tanto discutere perché qualcuno, a scopo meramente elettorale, ha puntato il dito solo su un aspetto, per altro in linea con la nuova politica di Green new deal.

Infatti, sono previste misure che puntano a realizzare un piano di investimenti pubblici per lo sviluppo del nuovo corso ambientale e verde italiano, anche grazie all’istituzione di un Fondo che dispone di una dotazione complessiva di 4,24 miliardi di euro per gli anni 2020-2023. Parte di questa dotazione sarà destinata a interventi volti alla riduzione delle emissioni di gas serra. È previsto inoltre, a questo fine, l’utilizzo del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca istituito nel 2012 presso Cassa depositi e prestiti. Il Fondo per il Green new deal ha anche finalità di supporto all’imprenditoria giovanile e femminile per la riduzione dell’uso della plastica e per la sostituzione della plastica con materiali alternativi. Sono poi introdotte misure in materia di green mobility.

Tra le altre cose, nasce la cosiddetta “plastic tax”, ovvero l’imposta sul consumo di manufatti in plastica con singolo impiego che hanno o sono destinati ad avere funzione di contenimento, protezione, manipolazione o consegna di merci o di prodotti alimentari. Sono esclusi i manufatti compostabili, i dispositivi medici e quelli adibiti a contenere e proteggere medicinali. L’ammontare dell’imposta, che scatterà a partire dal prossimo 1° luglio, è fissato in 0,45 euro per chilogrammo di materia plastica.

E poi la “sugar tax”, che entrerà in vigore dal 1° ottobre ed è un’imposta sul consumo di bevande analcoliche edulcorate nella misura di 10 euro per ettolitro nel caso di prodotti finiti e di 0,25 euro per chilogrammo nel caso di prodotti predisposti a essere utilizzati previa diluizione.

Ancora sul welfare

Ancora sul fronte del welfare, ecco altri provvedimenti contenuti nella manovra. Viene prorogata a tutto il 2020 la sperimentazione della cosiddetta Ape sociale, l’indennità corrisposta fino al conseguimento dei requisiti pensionistici a favore di soggetti che si trovino in particolari condizioni.

Per quanto riguarda l’istituto sperimentale per il pensionamento anticipato delle donne, la cosiddetta “Opzione donna”, viene estesa la possibilità di fruirne alle lavoratrici che abbiano maturato determinati requisiti entro il 31 dicembre 2019, invece del 31 dicembre 2018, come attualmente previsto (le lavoratrici devono aver maturato entro il 31 dicembre 2019 un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni e un’età anagrafica pari o superiore a 58 anni per le lavoratrici dipendenti e a 59 anni per le lavoratrici autonome).

Altri interventi: viene innalzata e portata a 8mila euro annui la soglia di reddito prevista ai fini dell’esenzione dal pagamento del canone di abbonamento Rai a favore di soggetti di età pari o superiore a 75 anni.

Per gli orfani di femminicidio e di reati violenti si interviene disciplinando la sorte dei crediti vantati nei confronti dell’autore di un delitto di omicidio del partner. Viene incrementato di 1 milione di euro per il 2020 il Fondo per gli indennizzi alle vittime di reati violenti, con particolare riferimento al sostegno economico degli orfani per crimini domestici e delle famiglie affidatarie.

Viene incrementato di 4 milioni di euro, per il triennio 2000-2022, il Fondo per le Pari opportunità, al fine di finanziare il Piano d’azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere.

Si autorizza un contributo di 300mila euro per ciascuno degli anni 2020-2022 in favore dell’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della povertà. Incremento di 1 milione annuo, a decorrere dal 2020, anche per il Fondo minori stranieri non accompagnati.

Prima cultura e scuola

Per quanto riguarda l’istruzione, viene rifinanziata la Card cultura di 500 euro per i diciottenni, la cosiddetta 18 app, utilizzabile per l’acquisto di determinati prodotti culturali, nel limite di spesa di 160 milioni di euro per il 2020.

Vengono prese misure per l’edilizia scolastica: si destinano 10 milioni delle risorse provenienti dal Fondo per il finanziamento di investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese alla messa in sicurezza degli edifici scolastici per il 2023.

Si prevede, inoltre, la possibilità di destinare eventuali economie derivanti da risorse Inail alla costruzione di scuole innovative e di poli per l’infanzia, e la definizione di un piano nazionale di interventi di efficientamento energetico degli edifici pubblici adibiti ad uso scolastico.

Ma c’è anche lo sport
Si destinano risorse del nuovo Fondo per gli investimenti delle amministrazioni centrali – 50 milioni per il 2020, 180 milioni per il 2021, 190 milioni per ciascuno degli anni dal 2022 al 2025 e 10 milioni per il 2026 – alla realizzazione di interventi infrastrutturali nei territori delle regioni Lombardia e Veneto e delle province autonome di Trento e di Bolzano, ovvero tutte le aree interessate dalle Olimpiadi invernali 2026.

Si estende al 2020 la possibilità di usufruire del credito d’imposta per le erogazioni liberali destinate ad interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e alla realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche.
Per promuovere il professionismo nello sport femminile ed estendere alle atlete le condizioni di tutela previste dalla legge sulla prestazione di lavoro sportivo, vengono esonerate le società sportive femminili dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali per gli anni 2020, 2021 e 2022.

Meglio carta che contanti

Si chiama Piano “Italia Cashless” e sono incentivi al pagamento con strumenti elettronici che fanno parte di una strategia più ampia e profonda che il Governo ha dispiegato in particolare con il recente Decreto fiscale. Si punta così a imprimere una forte spinta all’uso di strumenti di pagamento elettronici e a disincentivare l’uso del contante. A decorrere dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021  viene ridotta a 2mila euro la soglia oltre la quale si applica il divieto al trasferimento del contante fra soggetti diversi, per poi ridursi ulteriormente a 1.000 euro a partire dal 1° gennaio 2022. Si stabilisce anche che gli esercenti che svolgono attività di commercio al minuto o attività assimilate, per le quali non è obbligatoria l’emissione della fattura, possano assolvere agli obblighi di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri m ediante i sistemi di incasso che utilizzino mezzi di pagamento elettronico, quali carte di credito o di debito.

 

Dialoghi per Milano

Continuano gli incontro di Dialoghi per Milano, il prossimo sarà: “La Famiglia è ancora un sogno?”.

Ne parliamo venerdì 24 gennaio alle ore 21.00 presso zona K in via Spalato 11 a Milano con Graziano Delrio, Francesco Belletti, Francesca Zajczyk e Andrea Fanzago.

Se vuoi leggere volantino clicca su

 

Senza Fine

Un altro incontro di approfondimento e formazione sulla nostra società è quello proposto dall’Azione Cattolica presso il salone Cristo Re in via dei 500 1/A a Milano venerdì 17 gennaio 2020 alle ore 21.00.

Il titolo è “Senza Fine” con la partecipazione di don Gino Rigoldi, cappellano del carcere minorile Beccaria.

Se vuoi leggere volantino clicca su

 

Popolo chi?

Incontro che affronta le problematiche delle periferie con Loris Caruso, autore del libro “Popolo chi?” sabato 18 gennaio 2020 alle ore 17.30 presso l’ARCI Corvetto in via Oglio 21 a Milano.

Se vuoi leggere volantino clicca su

 

Category: News, Newsletter